IL PULLMAN DELLA UC TREVIGIANI CAMPANA IMBALLAGGI GEO&TEX 2000 IN ONORE DELLA GARA PER CAMILLO RUGGERI RISERVATA AI GIOVANISSIMI A TREVISO NEL QUARTIERE DOVE ABITAVA

By 4 Settembre 20212021

Si è svolto oggi pomeriggio a Treviso, nel quartiere San Liberale dove abitavata, il primo “Trofeo Città di Treviso-Pedalando con Camillo”, dedicato a Camillo Ruggeri ex vice-comandante dei vigili urbani di Treviso e per un periodo capo facente funzioni. Camillo Ruggeri era un appassionato del ciclismo. Ogni mercoledì faceva i, più o meno, 100 chilometri con il Gruppo dei Vigili Urbani al quale hanno fatto anche parte Angelo Coletto e Aurelio Cestari, ex professionisti trevigiani degli anni Cinquanta-Sessanta.

150 corridori della categoria Giovanissimi hanno partecipato al circuito chiuso al traffico, ben organizzato dalla Ciclistica Treviso-Comitato provinciale. Presente anche il sindaco Mario Conte che ha dato il via ad alcune gare. In rappresentanza dei vigili urbani di Treviso c’era la sportivissima Giuliana Dal Pozzo. C’era anche il presidente della Federazione di Treviso Giorgio Dal Bò.

C’era tutta la famiglia Ruggeri a fare gli onori di casa alla manifestazione: la vedova di Camillo Ruggeri, Antonietta Soligo, la figlia Tina, giornalista (speaker nell’occasione), le nipoti Mariasole e Marilisa. Era presente anche il marito di Tina Ruggeri, Vigilio Rossi, figura nota nel ciclismo nazionale.

Camillo Ruggeri è stato per anni segretario dell’UC Trevigiani e per questo non potevano mancare i rappresentanti dell’Unione Ciclisti Trevigiani Campana Imballaggi Geo&Tex: il presidente Ettore Renato Barzi, il vice-presidente Roberto Zanatta, il segretario Fiorenzo Bellinato ed il fac-totum Luciano Marton. La Trevigiani, in rappresentanza della società che ha 108 anni e che organizza la Popolarissima a Treviso – alla quale Camillo Ruggeri dava un notevole contributo – ha portato il pullman della società bianco-nero-azzurra che ha sede a Porta San Tomaso. Un bellissimo modo per ricordare un grande appassionato-ciclista della città.

Nella foto parenti, dirigenti e mini-ciclisti che hanno partecipato alla manifestazione.